Digitale - Dgtale



Visita la nuova galleria
di Dgtale.eu

  Notizie     
             
 
Log in
Login
Password
Preferiti
Nikon.it (2640)
AlterPix.it (2626)
Tamron.com (2561)
Canon.it (2390)
Sigma.jp (2382)
My-Click.net (2225)
Leica-Camera (1838)
 
Se l'arte fa disperare
Inserito il 01 agosto 2006 . IT - Eventi
Indirizzo sito : Manipulator



Una fotografa canadese è stata accusata di violenza su minori per aver ritratto dei bambini che piangevano. Lei si difende dicendo che la tecnica usata è la stessa delle pubblicità e dei film. Chi ha ragione?




Il suo intento era quello di rappresentare, attraverso le immagini di bambini che piangono, urlano e si disperano, quella rabbia e tormento che dà il trovarsi di fronte all'attuale situazione politica e sociale e sentirsi impotenti. Ma ora la mostra End Times della fotografa canadese Jill Greenberg, organizzata presso la Paul Kopeikin di Los Angeles,si trova al centro di un aspro dibattito che per i toni e le proporzioni che ha assunto ha finito col coinvolgere alcune fra le più autorevoli testate di lingua anglosassone come il New York Times, the Sydney Morning Herald, Los Angeles Times.

Per quegli scatti, infatti, che ritraggono piccoli volti in lacrime, l'artista è stata accusata di violenza su minori, di essere una donna crudele (come si legge, per esempio, sul blog del fotografo Thomas Hawk), paragonabile per le sue azioni a Michael Jackson o a Hitler. E pensare che, come spiega il marito produttore, accorso in sua difesa, per realizzare i primi piani la Greenberg ha applicato la stessa tecnica che si usa in pubblicità o nel cinema: cioè dare in mano al bambino un leccalecca e poi levarglielo. Il tutto sempre e costantemente sotto lo sguardo vigile dei genitori dei piccoli e inconsapevoli modelli.

Accuse a parte, sono in molti ora a domandarsi se sia legittimo (etico?) suscitare emozioni negative nei bambini pur di raggiungere il proprio scopo, anche nel caso in cui questo fosse dare forma a un'idea artistica. D'altra parte nessuno si è mai chiesto che i piccoli protagonisti dei delicati scatti di un altra famosa fotografa, Anne Geddes, siano felici o disorientati o annoiati o spaventati nel ritrovarsi vestiti come coccinelle, conigli o cagnolini, infilati nei vasi con un cappello a forma di peperone, girasole o cactus calzato sulla testa, o messi a dormire in strane posizioni e infilati in una zucca.

tratto da: LiberoBlog

Letto : 1780 | Torna indietro
 
Visitatori

Visitatori Correnti : 4
Membri Correnti : 0

Galleria

Immagini di repertorio
Germano 1029 350D(66)

Versioni
Download
IrfanView 3.98
Manuale Canon EOS 1D Mark II N
Manuale Canon EOS 5D
Canon Speedlite Transmitter ST-E2
ZA Digital Image Recovery
Top - Siti
LBKcXlWGKKRqTX
apUBOYLQLZohq
LpCvVEwvvZJHxqsN
wBsnbtRRDxbfvdsU
aWpzVoRwvCgixpZnITE
wPXZErYSdNoDh
wcTGxnUqQdYdP
oUCEXNgiISQCG
SAjlliNCeuUoS
JSpNmffFQuU
 
| About  | Site Copyright © 2005 www.dgtale.it  | Site statistics |